UDINE. LA FORMA DELL’INFINITO

UDINE. LA FORMA DELL’INFINITO

Le sale del museo di arte moderna e contemporanea si sono trasformate in spazio teatrale per 50 opere imponenti, per tre mesi cinquanta attori vivranno e provocheranno i visitatori con una narrazione in grado di stupire con colpi di scena sublimi, come la visione di “Natura morta davanti a L’Espérance”, testamento spirituale di Paul Gauguin.


Già il tema della mostra dischiude porte su vasti paesaggi dell’anima. Secondo il progetto ideato da Don Alessio Geretti, ricercare il proprio “paesaggio dell’anima” è la chiave di lettura per comprendere le intenzioni che hanno animato la pittura a fine Ottocento e nel Novecento: rendere visibile l’infinito che sussurra alla mente e al cuore umano. L’uomo non può comprendere nulla di se stesso, della sua condizione, della sua grandezza e della sua inquietudine, se non rendendosi conto d’essere un’immensa aspirazione all’infinito. Perciò esiste l’arte: non per produrre decori frivoli né per riprodurre le fattezze di ciò che abbiamo sotto gli occhi, ma per dare forma a quella tensione all’infinito, incantevole e misteriosa, che ci rende unici nell’universo. Tra pennellate e colori, paesaggi mistici e astrazioni audaci, i capolavori dell’arte, specialmente dall’Impressionismo in avanti, sollevano il velo del mondo visibile e lasciano affiorare sulla superficie dei quadri gli enigmi, le nostalgie, le ricerche di chi percepisce l’altro lato della realtà, o il dolore della finitezza senza prospettive di chi si convince che non c’è risposta alla domanda di infinito che ci portiamo dentro.

UDINE. Casa Cavazzini, Museo d’arte moderna e contemporanea.
Fino al 27 marzo 2022.

ARTISTI
Claude Monet, Paul Cézanne, Alfred Sisley, Henri Matisse, Dante Gabriele Rossetti, Michail Nesterov, František Kupka, Vasilij Kandinskij, Aristarch Lentulov, Natal’ja Gonarova, Odilon Redon, Maurice Denis, Jacek Malczewski, Mikalojus Čiurlionis, Nikolaj Rerich, Medardo Rosso, Umberto Boccioni, Pablo Picasso, Emilio Vedova, Ernst Fuchs, Hans Hartung e altri ancora.

Collezioni permanenti di Casa Cavazzini
Opere di Afro, Mirko e Dino Basaldella, Lucio Fontana, Giorgio De Chirico, Alberto Savinio, Carlo Carrà, Filippo De Pisis.

ORARI Lunedì 14.00-18.00. Martedì mercoledì giovedì 9.00 – 18.00. Venerdì sabato domenica 9.00 – 19.30. Ultimo ingresso 60 minuti prima dell’orario di chiusura.
Info > tel. 0432 1279127 > prenotazioni@laformadellinfinito.it > www.laformadellinfinito.it

Nelle immagini
Ferdinand Brunner (Vienna 1870 – Vienna 1945)
Il viandante, 1908, Olio su tela, 126 x 160 cm, Vienna, Galleria del Belvedere.
Vasilij Kandinskij (Mosca 1866 – Neuilly-sur-Seine 1944)
Mosca I, Piazza Rossa, 1916, Olio su tela su cartoncino, 51,5 x 49,5, Mosca Galleria Tret’jakov.
Vasilij Kandinskij (Mosca 1866 – Neuilly-sur-Seine 1944)
Composizione IV, 1911 , Litografia, 34,5 x 54,5 cm, Linz, Museo d’arte di Lentos.